Camera di Commercio di Genova | Informazioni per i fornitori


Informazioni per i fornitori




Conto corrente dedicato

Le aziende che hanno rapporti di contrattuali con le pubbliche amministrazioni devono comunicare agli Enti a cui verranno forniti i servizi, lavori o forniture il conto corrente bancario o postale dedicato alla gestione dei relativi movimenti finanziari. L'obbligo è previsto dalla legge n. 136/2010 "Piano straordinario contro le mafie, nonché delega al Governo in materia di normativa antimafia" (in particolare al comma 7 dell'art. 3).
Le aziende che hanno rapporti con la Camera di Commercio devono inviare la comunicazione utilizzando il modulo allegato. Successivamente, la Camera di Commercio fornirà loro il CUP (Codice Unico di Progetto) relativo ai rapporti contrattuali.
Il codice dovrà quindi essere riportato in ogni forma di corrispondenza e documentazione contabile relativa ai rapporti esistenti tra l'Ente camerale e l'azienda oltre che nel bonifico bancario o postale relativo al corrispettivo dovuto, per non incorrere nelle sanzioni previste dall'art. 6 della legge citata.

 

 

Elenco fornitori

L'elenco dei fornitori è previsto dall'art. 125 del codice dei contratti pubblici emanato con D. Lgs. n. 163 del 2006 per i casi di affidamento - a mezzo di procedura in economia - di lavori di importo inferiore a € 200.000,00 oltre IVA e di fornitura di beni e servizi di importo inferiore a € 193.000,00 oltre IVA e nella scelta degli operatori da invitare nelle procedure negoziate senza pubblicazione di un bando, nel rispetto dei principi comunitari, del Codice dei contratti pubblici di cui al D. Lgs. n. 163/2006, nonché del DPR 2 novembre 2005 n. 254 "Regolamento per la disciplina della gestione patrimoniale e finanziaria delle Camere di Commercio".

Le imprese interessate dovranno inviare l'istanza, utilizzando l'apposita modulistica, attraverso le seguenti modalità alternative:

  • tramite raccomandata A.R. alla Camera di Commercio - Servizio Provveditorato - Via Garibaldi 4 - 16124 Genova riportando sul plico la seguente dicitura: "Iscrizione Elenco dei Fornitori della Camera di Commercio"
  • tramite P.E.C. alla casella istituzionale di posta elettronica certificata dell'Ente camerale (cciaa.genova@ge.legalmail.camcom.it) purché firmate digitalmente

La gestione dell'Elenco e la selezione degli operatori economici da invitare sarà ispirata ai principi stabiliti negli articoli 2 e 3 del Regolamento di istituzione e gestione dell'elenco dei fornitori di beni e servizi, approvato dal Consiglio camerale nella seduta del 16 luglio 2009.

L'Elenco è sempre aperto all'iscrizione degli operatori economici dotati dei requisiti richiesti ed è aggiornato con cadenza annuale.

Regolamento

Modulistica

 

 

Blocco dei pagamenti a soggetti morosi

La Camera di Commercio di Genova, in armonia con quanto disposto per le pubbliche amministrazioni dall'art. 48-bis del DPR n. 602/73 e il successivo regolamento emanato con il D.M. n. 40 del 18 gennaio 2008, entrato in vigore il 29 marzo, prima di effettuare, a qualunque titolo, pagamenti di importo superiore a 10.000 euro, deve verificare se il beneficiario è inadempiente all'obbligo di versamento derivante dalla notifica di una o più cartelle di pagamento per un importo superiore a 10.000 euro.

In base alla normativa, quando la Camera di Commercio verifica una simile inadempienza, non può procedere al pagamento e deve segnalare la circostanza all'agente della riscossione competente per territorio. 

 

 

Registro unico delle fatture

Si informano le imprese fornitrici della Camera di Commercio di Genova che, in applicazione a quanto previsto dall'Art. 42 del D.L. n. 66/2014, convertito in Legge 23 giugno 2014, n. 89 dal 1° Luglio 2014 l'Amministrazione Camerale ha adottato il Registro Unico delle Fatture nel quale, entro 10 giorni dal ricevimento, sono registrate le fatture e le richieste di pagamento equipollenti.
Invitiamo pertanto le imprese fornitrici ad adeguare il proprio sistema di fatturazione alle nuove normative che regolano i rapporti economici con le pubbliche amministrazioni e stabiliscono le caratteristiche e le informazioni che devono presentare le fatture.
L'adeguamento delle fatture alle condizioni previste dal Registro Unico delle Fatture è condizione fondamentale per garantire il rispetto della scadenza dei pagamenti da parte delle pubbliche amministrazioni.
Per garantire il rispetto della scadenza dei pagamenti nonché la corretta tenuta del predetto registro, le fatture, oltre a riportare nell'intestazione la denominazione "Camera di Commercio di Genova", fermo restando le indicazioni previste dall'art. 21 del DPR n.633/72, devono altresì riportare le seguenti informazioni:

  • numero e data della Delibera della Giunta Camerale o della determinazione di affidamento o del buono d'ordine;
  • scadenza del pagamento;
  • IBAN del conto dedicato (anche non in via esclusiva);
  • Codice identificato di gara (CIG), come comunicato dall'Amministrazione in sede di affidamento del lavoro, servizio o della fornitura.
  • Codice unico di progetto (CUP), come comunicato dall'Amministrazione in sede di affidamento del lavoro, servizio o della fornitura.

Si coglie l'occasione per avvisare che dal 31 marzo 2015 le pubbliche amministrazioni potranno ricevere solo fatture in formato elettronico. L'ufficio di Ragioneria della Camera è a disposizione per ogni informazione.