Camera di Commercio di Genova | Trasporti ferroviari


Trasporti ferroviari




 

 

Nel contesto delle attività finalizzate al miglioramento della dotazione infrastrutturale del nodo ferroviario genovese si inserisce a pieno titolo l’impegno camerale sul fronte dei collegamenti con l'hinterland padano/europeo (Terzo Valico) e con l’arco costiero mediterraneo (linea Genova-Marsiglia).

 

Sul piano dei grandi assi trasportistici di superficie continentali, l’attenzione è focalizzata sullo sviluppo del cosiddetto Terzo Valico ferroviario, parte del più esteso e noto Corridoio 24 Rotterdam-Genova, incluso a partire dal gennaio 2014 nel Corridoio Reno Alpi, in linea con la nuova politica delle infrastrutture dell'UE - che ha, tra l’altro, triplicato i finanziamenti concessi dall'Unione al settore dei trasporti portandoli a oltre 20 miliardi di euro nel periodo 2014/2020 – ed i più recenti orientamenti TEN-T che individuano una nuova rete centrale precisamente definita da 9 corridoi. Sulla scia di una strada già intrapresa in passato attraverso la “Comunità delle Camere di Commercio dell’Asse ferroviario nord-sud (Rotterdam–Duisburg–Basilea Lotschberg/Sempione-Genova)”, ancora oggi la Camera di Commercio di Genova è dunque in prima fila per sostenere e promuovere la realizzazione, in tempi sufficientemente rapidi, del cosiddetto “Ponte dei due Mari”.

 

Riguardo agli assi trasversali del trasporto ferroviario, l’Ente camerale svolge attività di monitoraggio e lobbying per tutte le iniziative che, nel contesto del sistema EuroRegione, verranno assunte per l’ammodernamento e la razionalizzazione di nuove infrastrutture ferroviarie ad alta velocità/alta capacità sull’arco costiero mediterraneo Spagna-Francia-Italia, con un particolare occhio di riguardo all’iter progettuale che riguarda il raddoppio ferroviario della linea del Ponente ligure.

 

Nel contesto promozionale dei grandi assi del trasporto, è rilevante la collaborazione con il Comitato promotore della direttrice ferroviaria europea Transpadana, cui aderiscono enti pubblici e privati di tutto il Nord Italia e la cui finalità è quella di promuovere la realizzazione di una linea ad alta velocità/alta capacità nell’ambito del nuovo Corridoio Mediterraneo che collega la Penisola iberica con il confine ungro-ucraino. I principali progetti ferroviari che insistono sul territorio nazionale lungo questo Corridoio sono i collegamenti Lione-Torino e la sezione Venezia-Lubiana.