Camera di Commercio di Genova | Novita'


News - 7 ottobre – Pubblicato il sesto numero dell’Osservatorio Regionale dei Prezzi

La Camera di Commercio di Genova, in collaborazione con Ref ricerche pubblica oggi il sesto numero dell'Osservatorio Regionale dei Prezzi, aggiornato a giugno.

La Camera di Commercio di Genova, in collaborazione con Ref ricerche pubblica oggi sul portale www.focustudi.ge.camcom.gov.it il sesto numero dell’Osservatorio Regionale dei Prezzi, aggiornato a giugno.

 

I principali fenomeni rilevati sono i seguenti:

 

Inflazione in Liguria ai livelli minimi: dopo aver toccato -0,1% nel primo trimestre, il dato di giugno mostra variazione nulla rispetto ad un anno prima

 

Nonostante alcuni timidi segnali di risveglio a livello nazionale, la situazione in Liguria rimane difficile anche e soprattutto a livello occupazionale, il che rallenta la ripresa regionale

 

Il petrolio continua a determinare andamenti in forte diminuzione sul comparto energetico della spesa, mantenendosi su livelli intorno ai 65 dollari a metà 2015; in diminuzione anche le materie prime alimentari

 

Il calo degli energetici compensa tutti i rincari: nell’ultimo anno -8,6% per i carburanti e -4,1% per le tariffe energetiche 
per saperne di più

 

In Liguria i prezzi dei beni industriali si fermano al +0,2%, risentendo ancora della crisi dei consumi e della forte pressione concorrenziale dell’e-commerce. Il trend della componente di fondo dell’inflazione è peraltro positivo, +0,6%, con oscillazioni limitate intorno al mezzo punto percentuale, a conferma dei segnali di ripresa che si evidenziano in alcuni comparti

 

In aumento i prezzi del fresco ortofrutticolo (+4,8% dopo i cali registrati lo scorso anno) e fresco ittico (+3,5%) che spingono la crescita complessiva degli alimentari (+1,3% su base annua)

 

Riparte l’inflazione tariffaria dopo aver toccato a fine  2014 dati molto contenuti e, per la terza volta in tredici trimestri, si presenta superiore al dato nazionale

 

I dati nelle province segnalano dati negativi a Imperia e La Spezia (-0,6% e -0,2% rispettivamente) e una moderata crescita (+0,2%) a Genova”