Marchi collettivi e di certificazione

Modifica alla disciplina dei marchi collettivi

La disciplina dei marchi collettivi è stata modificata dal  D.lgs. 20 febbraio 2019 n. 15 che ha introdotto anche i marchi di certificazione.

Attenzione:  l’articolo 33 di tale decreto  prevede che tutti i titolari di marchi collettivi, registrati sulla base della normativa antecedente il D.lgs. 15/2019, devono presentare domanda all’Ufficio Italiano Brevetti e Marchi per la conversione del segno in marchio collettivo ovvero in marchio di certificazione ai sensi delle nuova disciplina.

La domanda di conversione deve essere presentata  entro il 31/12/2020 pena la decadenza del marchio.

Marchio collettivo e Marchio di certificazione

Il Marchio Collettivo è un segno distintivo che serve a contraddistinguere prodotti o servizi di più imprese per la loro specifica provenienza, natura o qualità, svolgendo una funzione di garanzia del prodotto o del servizio secondo un regolamento specifico, che deve essere depositato insieme alla domanda di marchio collettivo.

Possono ottenere la registrazione di marchi collettivi le persone giuridiche di diritto pubblico e le associazioni di categoria di fabbricanti, produttori, prestatori di servizi o commercianti, escluse le società per azioni (S.P.A.), le società in accomandita per azioni (S.A.P.A.) e le società a responsabilità limitata (S.R.L.).

Per maggiori approfondimenti

Il marchio di certificazione ha lo scopo certificare determinate caratteristiche dei prodotti e dei servizi, in relazione al materiale, al procedimento di fabbricazione dei prodotti o alla prestazione dei servizi, alla qualità, alla precisione o ad altre caratteristiche secondo un regolamento specifico, che deve essere depositato insieme alla domanda di marchio.

Il marchio di certificazione può essere registrato dalle persone fisiche o giuridiche, tra cui istituzioni, autorità ed organismi accreditati in materia di certificazione, a condizione che non svolgano un'attività che comporta la fornitura di prodotti o servizi del tipo certificato.

Per maggiori approfondimenti

Per registrare un marchio collettivo o di certificazione in Italia occorre presentare una domanda all’UIBM - Ufficio Italiano Brevetti e Marchi del Ministero dello Sviluppo Economico.

Modalità principali di deposito della domanda:

Deposito on line

Deposito in modalità cartacea

Presentazione, previo appuntamento, della domanda di registrazione marchio presso l'ufficio Marchi e Brevetti della Camera di Commercio di Genova 

Documentazione da presentare 

  1. Modulo per Richiedente da compilare a computer  in 1 originale + 2 copie stampate no fronte/retro

Nella domanda è obbligatorio indicare almeno una classe di prodotti o servizi e specificare per ciascuna classe i singoli prodotti o servizi per i quali il marchio verrà usato consultando la vigente Classificazione di Nizza e/o le banche dati TMClass o MGS.

Utilizzare i fogli aggiuntivi solo per incapienza dei vari campi del modulo

  1. Rappresentazione del marchio da riportare su foglio A4 e allegare alla domanda in una sola copia oltre all'esemplare del marchio da inserire nel riquadro presente nella terza pagina del modulo di domanda
  2. Regolamento concernente l'uso dei marchi collettivi o di certificazione, i controlli e le relative sanzioni
  3. Marche da bollo - una da 16,00 euro ogni quattro pagine dell'originale del modulo (più una nel caso si richieda copia autentica del verbale di presentazione della domanda)
  4. Delega in carta semplice corredata da una fotocopia del documento di identità del richiedente in caso di presentazione della domanda da parte di persona diversa dal richiedente
  5. Modulo di Consenso al Trattamento dei dati personali se con la presentazione della domanda di registrazione di marchio si forniscono dati personali riferibili a persone fisiche anche terzeGdpr - Informativa Privacy 

Pagamenti da effettuare

Diritti di segreteria

  • € 40,00 per rilascio copia semplice del verbale di presentazione oppure
  • € 43,00 per rilascio copia autentica + marca da bollo da € 16,00

Il pagamento potrà essere effettuato tramite Bancomat (POS) direttamente presso gli sportelli dell'ufficio Marchi e Brevetti oppure con versamento sul c/c postale n. 527168  intestato a Camera di Commercio di Genova.

Tasse di concessione governativa

  • 337 euro    primo deposito
  • 202 euro    rinnovo
  • 34 euro      soprattassa per ritardo rinnovo entro sei mesi

Il pagamento dovrà essere effettuato tramite il modello F24 rilasciato dall'Ufficio Marchi e Brevetti al momento della presentazione della domanda.

Rinnovo del marchio collettivo o di certificazione

La registrazione dura dieci anni a partire dalla data in cui viene effettuato il pagamento tramite F24 (primo deposito).

Può essere rinnovata per lo stesso marchio e per periodi di dieci anni entro gli ultimi dodici mesi di scadenza del decennio in corso, trascorso il quale la registrazione può essere rinnovata nei sei mesi successivi al mese di scadenza, con l'applicazione di una tassa per ritardato pagamento di Euro 34,00.

Per la presentazione della domanda utilizzare

il deposito on line

o in alternativa il deposito cartaceo, previo appuntamento, presso l'Ufficio Marchi e Brevetti della Camera di commercio di Genova utilizzando il modulo rinnovo per richiedente e seguendo le stesse istruzioni per il primo deposito riportate in questa pagina.